Home Page - SANTA MARIA DELLA PRESENTAZIONE

Parrocchia
della Presentazione
Santa Maria
Santa Maria della Presentazione
Santa Maria della Presentazione
Santa Maria
della Presentazione


Vai ai contenuti
______________
AVVENTO 2019

ANNO 2019-2020
Ciclo domenicale       Anno A
Inizio Avvento         1 Dicembre
Fine Avvento          24 dicembre
Giorno delle Ceneri   26 febbraio
PASQUA                  12 APRILE
Ascensione              24 maggio
Pentecoste              31 maggio
Corpus Domini         14 giugno


_______________________
Prossimo Evento

DOMENICA 1 DICEMBRE 2019: INIZIO TEMPO DI AVVENTO
L'avvento è il tempo liturgico che precede e prepara il Natale.
L'Avvento segna l'inizio del nuovo anno liturgico.

La parola Avvento deriva dal latino adventus e significa "venuta" anche se, nell'accezione più diffusa, viene indicato come "attesa".
L'origine del tempo di Avvento è tardiva, infatti viene individuata tra il IV e il VI secolo. La prima celebrazione del Natale a Roma è del 336.
Fu a partire da qui che nacque l’Avvento. Per il desiderio di preparare la celebrazione della nascita di Gesù si iniziò ad organizzare un tempo che aveva una durata diversa e un diverso contenuto a seconda dei luoghi. Questo tempo di preparazione ebbe una evoluzione che lo portò all’Avvento così come lo vediamo oggi.
Qual è il significato teologico?
La teologia dell'Avvento ruota attorno a due prospettive principali.
Da una parte con il termine "adventus" (= venuta, arrivo) si è inteso indicare l'anniversario della prima venuta del Signore; d'altra parte designa la seconda venuta alla fine dei tempi.
Il Tempo di Avvento ha quindi una doppia caratteristica: è tempo di preparazione alla solennità del Natale, in cui si ricorda la prima venuta del Figlio di Dio fra gli uomini, e contemporaneamente è il tempo in cui, attraverso tale ricordo, lo spirito viene guidato all'attesa della seconda venuta del Cristo alla fine dei tempi.
L’organizzazione del tempo d’Avvento
L’Avvento ha sempre quattro domeniche, che sono quelle che segnano, per la maggior parte dei cristiani, i contenuti principali del tempo. Ogni domenica d’Avvento si centra su un aspetto concreto:
Prima domenica: l’attenzione si pone soprattutto sull’ultima venuta di Cristo, alla fine dei tempi, e sul richiamo a rimanere vigilanti.
Seconda e terza domenica: il principale protagonista è il precursore Giovanni Battista, che annuncia la venuta del Signore nella nostra vita e ci invita a preparargli la strada.
Quarta domenica: i nostri occhi si fissano già appieno nelle feste di Natale che si avvicinano e contempliamo Maria, la Madre di Dio che porta al mondo il figlio suo, come anche Giuseppe, suo sposo. Tutto questo, fattoci vivere soprattutto attraverso il vangelo, è accompagnato da alcune prime letture dell’Antico Testamento particolarmente significative: in esse, infatti, ascoltiamo gli annunci di Isaia e degli altri profeti che ci trasmettono la senso dell’attesa del Messia, l’attesa gioiosa della salvezza che Dio promette, e ci invitano a confidare in lui e a invocarlo che venga a salvarci.
a Vergine Maria è stata concepita immacolata, dunque immune dal peccato originale, senza macchia.
Per noi cristiani è un dogma cioè un principio fondamentale, una verità universale e indiscutibile. Ogni persona nasce con il peccato originale. La Madonna invece, questo afferma il dogma, è nata immacolata e non ha commesso nessun peccato durante la sua vita.
ll dogma dell’Immacolata concezione è sancito dalla bolla Ineffabilis Deus dell’8 dicembre 1854 presentata in Cappella Sistina. Era papa Pio IX. Il Pontefice  aveva fatto voto che se fosse riuscito  a ripristinare l’ordine cristiano avrebbe proclamato il dogma mariano di cui si discuteva da secoli. Si trovano infatti riscontri nell’Antico e nel Nuovo Testamento. Quello maggiormente considerato è nel Vangelo di Luca (1,28), quando l’arcangelo Gabriele si rivolge a Maria definendola "piena di grazia".
Sant’Agostino parla della natura perfetta della Madonna, ma è con Duns Scoto che nasce la prima forma del dogma. La chiesa trova una conferma al dogma quattro anni dopo la bolla quando a Lourdes la Vergine si presenta a Bernadette con le parole: «Io sono l’Immacolata Concezione».

LA STATUA a Roma
Il monumento alla Madonna è stato costruito nell’Ottocento e benedetto da Pio IX l’8 dicembre del 1857, giorno dell’inaugurazione. È stato offerta per intero dal re di Napoli Ferdinando II e eretta davanti all’ambasciata di Spagna perché questo era il paese che più aveva avorato per la definizione del dogma.
Pio XII, papa Pacelli, pontefice negli anni della Seconda Guerra Mondiale, fece partire la tradizione dell’invio di fiori alla statua. Il suo successore, Giovanni XXIII, fu il primo a uscire dal Vaticano, nel 1958, per omaggiarla. Depose ai piedi della Vergine Maria un cesto di rose bianche.
Non è solo il papa a rendere omaggio alla statua dell’Immacolata. I primi, alle 7 e 30 del mattino, sono di solito i vigili del fuoco che ricordano i 220 colleghi che innalzarono il monumento nel 1857. Lo fanno dal 1923. Sulla statua viene messa una ghirlanda di fiori.
domenica 8 dicembre
Festa dell'Immacolata

IMPORTANTE INIZIATIVA DEL COMITATO PER IL COMPLETAMENTO DEL RESTAURO DELLA CHIESA
FAI LA TUA DONAZIONE
per un aiuto alla tua chiesa, secondo una delle intenzioni esposte
LEGGI PROPOSTA DEL COMITATO

Diocesi Roma
la nostra diocesi
notizie e commenti

altri siti cattolici


S.Messa, Rosario e altro su
la TV cattolica
Quotidiano
quotidiano cattolico più letto

Torna ai contenuti